Home – informatica pressapochista

Ad ogni release il setup di Sql Server diventa sempre più lungo e oneroso. Database weekly In particolare quello relativo alla versione 2016 è…. Data recovery utah spaventosamente lungo……

Certo, sono state aggiunte diverse funzionalità e oggettivamente il prodotto è abbastanza completo, ma il processo di installazione secondo il mio parere è veramente molto lungo !

In particolare qualche giorno fa dopo quasi mezz’ora di setup e configurazioni varie mi sono accorto di aver sbagliato la collation dell’istanza……

In breve la collation di Sql Server è l’insieme di regole che vengono usate per trattare le stringhe: come ordinare diverse stringhe, come trattare le lettere accentate, etc etc.

Com’è noto agli addetti ai lavori avere una collation non corretta porta sempre a errori improvvidi e saltuari che saltano fuori quando meno te lo aspetti e guardacaso quando non si ha il tempo di eseguire un sereno troubleshooting.

Quindi in questa guida poche informazioni per poter cambiare la collation a setup ultimato e database funzionante: Sql Server 2016: Change SQL Server Collation After Installation.

Qualche tempo addietro usando l’SDK Microsoft.Azure.Mobile.Client in una app Xamarin.Forms che lavora eseguendo sync dei dati con modalità off-line, mi sono accorto della presenza di alcuni errori HTTP Error 412.0 – Precondition Failed.

Il codice usa un backend scritto in C# e Azure Sql Server: nulla di esotico o particolare: classica logica di funzionamento esposto da tutte le best practice e codice di esempio Microsoft.


Comunque investigando ho potuto verificare che in realtà anche in presenza di questa segnalazione tutto funzionava in modo corretto: il sync veniva eseguito compiutamente e I dati erano correttamente presenti in Sql Azure. Data recovery deleted files Inoltre, come recita la dicitura, si tratta di pre-errori……..

Comunque la cosa mi ha incuriosito e investigando sulle origini della segnalazione sopra ho compreso cosa succede “dietro le quinte” dell’optimistic concurrency features in Azure Mobile Services client SDK.

In questo post Vi presento i miei appunti di studio, preceduti da un mimimo di teoria.Ovviamente per saperne di più potete vedere i link più interessanti che ho trovato e che ho inserito diligentemente in Linkografia.

Le moderne applicazioni sono in grado di esporre lo stesso set di dati a più utilizzatori, che possono eventualmente fare delle modifiche su di esso: questo possibilità introduce dei problemi relativi alla gestione della concorrenza di dette modifiche, e che possono avvenire sulle stesse tuple.

banner